Foto Inbound Marketing

Inbound Marketing

STRUMENTI E STRATEGIE DELL’INBOUND MARKETING

Inbound Marketing è un termine che negli ultimi anni è diventato molto comune, soprattutto nel marketing digitale.

QUAL È LA DEFINIZIONE DI INBOUND MARKETING? 

Si tratta di una forma di marketing in cui è il pubblico a cercare un’azienda o un marchio e non viceversa.

I seguenti sono alcuni esempi di questo concetto: 

  • Un utente effettua una ricerca su un social network e ti trova.
  • Una persona fa una ricerca su Google o su altri motori di ricerca e apre il tuo sito. Lo ha fatto spontaneamente perché lo ha trovato interessante. Tu non lo hai indotto a farlo inviandogli, ad esempio, un messaggio. Tu non hai fatto niente, da questo punto di vista.
  • Un tuo amico ha un libricino che parla di diversi tipi di tisane e delle loro proprietà. Ti dà il libretto e tu lo trovi talmente bello da decidere di contattare l’azienda che vende quelle tisane per acquistare alcuni dei suoi prodotti.

 

CHI HA USATO PER PRIMO IL TERMINE?

Molti di noi hanno sentito per la prima volta il concetto da Seth Godin.

Più precisamente, stava parlando del Permission Marketing, che, in ogni caso, è imparentato con l’Inbound Marketing.

Seth Godin lo contrappone all’Outbound Marketing (o marketing interruttivo), sottolineando che le aziende non dovrebbero disturbare con i propri messaggi pubblicitari chi sta facendo altro perché a nessuno piace essere interrotto mentre è impegnato nelle proprie attività.

Fate sì che il pubblico arrivi a voi da solo

Hai bisogno dell’attenzione della gente? Ci sono due modi per ottenerla.

O fai qualcosa per attirarla oppure la compri. Il primo richiede uno sforzo intellettuale mentre il secondo richiede uno sforzo economico.

Puoi immaginare che molti in molti sceglieranno quest’ultimo.

Ma è importante sapere che il termine Inbound Marketing è stato coniato per la prima volta nel 2005 da Brian Halligan (fondatore e CEO di HubSpot).

Lui credeva che l’Inbound Marketing potesse essere adatto a due gruppi di attività: 

  • Piccole imprese con grandi redditi
  • Società basate sulla conoscenza e sulla tecnologia 

 

Anche se nei suoi scritti e interviste recenti sottolinea che nell’ambiente di oggi il Inbound Marketing può persino essere utile a un’azienda che è (o vuole essere) nelle prime 500 società Fortune e con le possibilità che esistono oggi, non dovrebbe più essere limitato a quello che ha detto più di un decennio fa.

Ma è importante sapere che il termine Inbound Marketing è stato coniato per la prima volta nel 2005 da Brian Halligan (fondatore e CEO di HubSpot).

Lui credeva che l’Inbound Marketing potesse essere adatto a: 

  • Piccole imprese con grandi redditi
  • Società basate sulla conoscenza e sulla tecnologia 

 

Tuttavia, nei suoi scritti e nelle interviste recenti sottolinea che oggi l’Inbound Marketing può essere utile persino a un’azienda che è (o vuole essere) tra le prime 500 società Fortune. Secondo lui, con le possibilità che esistono attualmente, quello che ha detto più di un decennio non è più valido, ma è stato superato.

Qual è stata l’accoglienza nel settore?

Ogni segmento di un mercato e ogni mercato fa a sé e non si può quindi fare un discorso generalizzato. 

Ma possiamo dire che questo concetto è stato abbracciato da molti esperti di marketing e di pubblicità.

Oggi, è meno probabile che le e-mail anonime vengano aperte.

  • Sempre più persone si lamentano dei messaggi promozionali non richiesti.
  • L’efficacia dei media tradizionali è diminuita, o almeno non è aumentata, ma il loro costo è rimasto costante o è aumentato. Le tariffe per la teaser TV e per i cartelloni pubblicitari in molte parti del mondo confermano questa tendenza.
  • La percentuale di clic sui banner, relativa al numero totale di visitatori, è diminuita. Il pubblico ha imparato a non prestare attenzione a striscioni e ad altre distrazioni. Allo stesso tempo, riconosce gli striscioni ingannevoli meglio di prima. Al giorno d’oggi, poche persone cercano di catturare un’anatra in movimento facendo clic nella speranza di vincere un iPhone (alcuni anni fa, un’offerta del genere ha tentato molti visitatori).
  • Le persone stanno gradualmente imparando in quali punti dei film avvengono le interruzioni pubblicitarie e ne approfittano per andare in bagno, riposarsi e controllare le chiamate.

L’Inbound Marketing ha un messaggio importante per noi.

Il punto è che il cliente oggi non è così disposto ad accettare che la pubblicità interferisca con il normale corso della sua vita

Oggi i media sono diventati molto numerosi e questa situazione ha aumentato il potere del pubblico.

La dipendenza dai mass media non è così grande come una volta.

La televisione e altri mass media erano diventati strumenti di marketing per aziende e marchi perché erano gli unici presenti sul mercato.  

Ma oggi la televisione e gli altri media tradizionali, anche senza pubblicità, difficilmente possono spingerci a sederci ad assistere ai loro programmi.

Lo stesso vale per giornali e le altre pubblicazioni.

Il pubblico di oggi è più rigoroso, se ritiene che le attività di marketing e pubblicità nei media non crei valore per sé, perderà interesse per i media.

Quali sono le domande e le preoccupazioni?

 

Da quanto detto finora, puoi facilmente indovinare le domande chiave e le sfide del Inbound Marketing.

Rivediamo alcune di queste domande e di queste sfide:

  • Se non voglio fare pubblicità direttamente, in che modo posso indurre qualcuno a venire da me?
  • C’è un modo per far sì che gli altri mostrino a qualcuno ciò che faccio e che poi lui (o lei) venga da me?
  • C’è un modo per far sì che il pubblico sia entusiasta di vedere i miei annunci sui motori di ricerca?
  •  C’è un modo per far sì che il pubblico si interessi a me sui social media e in un secondo momento acceda ai miei servizi e ai miei prodotti?
  • Come faccio a essere l’opzione migliore per una persona quando deve far fronte a un problema sorto da poco?
  • Posso cambiare i suoi schemi decisionali e di valutazione in modo che mi scelga come miglior fornitore durante la sua ricerca?

Quello che abbiamo detto sopra può essere espresso in un altro modo:

Uno dei punti cardine dell’Inbound Marketing è che alle persone piace essere coinvolte nel processo decisionale.

Non possiamo più chiedere loro di modificare il loro comportamento in base ai nostri desideri e ai nostri gusti (almeno non possiamo farlo direttamente).

Il content marketing è la forma più nota di questo modus operandi

 È solo dopo aver compreso l’importanza dell’Inbound marketing che possiamo comprendere il ruolo del content marketing.

Oggi la concorrenza tra le marche è molto maggiore e più seria che in passato; allo stesso tempo, la maggior parte di esse soddisfa le esigenze di base del pubblico.

Non volevamo pagare molto di più

Alcuni anni fa,  molti di quelli che volevano rimanere svegli a lungo perché dovevano studiare per un esame, probabilmente hanno scoperto l’efficacia delle bevande energetiche da questo punto di vista..

Oggi tutti sanno che cos’è una bevanda energetica.

Alcuni sono d’accordo con il suo utilizzo e altri in disaccordo, ma poche persone ne ignorano l’esistenza.

Nel supermercato più vicino ne puoi trovare decine di marche diverse. Sono quasi identiche in termini di funzionalità di base.

Contengono tutte taurina e caffeina e i loro sapori differiscono solo leggermente.

La stessa situazione esiste in altre aree.

Dai uno sguardo al settore automobilistico.

Casate automobilistiche economiche come Hyundai e Kia e persino quelle cinesi sconosciute oggi hanno caratteristiche che una volta erano riservate a marchi di lusso come Mercedes, BMW e Maserati.

Non è facile convincere il cliente che valga la pena pagare il triplo in termini di qualità e di prestazioni.

Una volta si faceva così, ma adesso…

In passato, questo tipo di sfide venivano risolte con i metodi tradizionali del branding:  fare più pubblicità, creare un’identità visiva per il marchio, scegliere il nome giusto, creare uno slogan e così via.

Dall’Austria con energia

È in questo contesto che vediamo aziende come la Red Bull sempre più coinvolte nella creazione di storytelling e nella realizzazione di film. Fanno grandi eventi e creano pubblicazioni. Secondo un analista di marketing, la Red Bull oggi è un impero che si occupa di contenuti e tra le sue attività, ovviamente, c’è anche la produzione di bevande energetiche.

Nota finale
In questo contesto, le parole di Seth Godin – che ha un po’ esagerato, ça va sans dire – possono essere comprese molto bene.

A mio parere, il content marketing è l’unica forma di marketing che rimane.

Altri metodi sono obsoleti. 

Related Articles

Responses

Your email address will not be published. Required fields are marked *