Joshua Bell e violino alla stazione della metropolitana

Sono Poche le persone che non hanno sentito la storia di Joshua Bell che suona il violino nella stazione della metropolitana.

Il Washington Post ha suggerito l’idea. Joshua Bell, uno dei violinisti più importanti al mondo, prende in mano il suo violino da 3,5 milioni di dollari e suona una serie di brani classici per i passanti al mattino mentre la gente va al lavoro. 

Pochi giorni prima dello spettacolo, i biglietti da $ 100 per una delle esibizioni ufficiali di Bell erano esauriti e molti fan si erano persi lo spettacolo. Ora suonava gratuitamente il suo strumento per la gente in una stazione della metropolitana.

 

Bell aveva l’aspetto di un musicista di strada: gesti semplici, vestito in borghese e una ciotola con un po’ di monete per incoraggiare i passanti a darne pure loro.

 

L’esibizione di Bell è durata circa 45 minuti. Sebbene più di mille persone siano passate davanti a lui, solo sette persone hanno assistito alla sua esibizione. Bell ha guadagnato circa $ 32 durante quel giorno, ma $ 20 gli sono stati dati da qualcuno che probabilmente lo conosceva.

 

$ 32 non è poco per un musicista di strada che suona per 45 minuti. Ma lo è decisamente  per un musicista come Joshua Bell.

 

La storia è stata pubblicata da Gene Weingarten in un articolo sul Washington Post. Weingarten ha osservato l’evento attraverso le lenti delle “priorità”, della “percezione della bellezza” e della “percezione umana”. Secondo cui noi umani non vediamo, non sentiamo o passiamo accanto ad alcune bellezze semplicemente perché sono perse nelle routine e nelle priorità della vita normale.

Weingarten non l’ha detto direttamente, ma si può dedurre dalle sue parole che: “Siamo impegnati tutto il giorno a correre per fare soldi e, ad esempio, con quei soldi possiamo comprare i biglietti per Joshua e simili”. “Allo stesso tempo, ci sono molte opportunità economiche e gratuite della stessa qualità intorno a noi che abbiamo trascurato e non siamo stati in grado di sfruttare”.

A parte Weingarten, possiamo guardare questa storia attraverso altri occhiali.

Ad esempio, il fatto che noi esseri umani dipendiamo fortemente dal contesto nel giudicare: un’esibizione formale in una sala lussuosa per la quale è stato acquistato un biglietto costoso è probabilmente più artisticamente preziosa di una performance gratuita di un musicista di strada.

Come possiamo vedere, il valore artistico di “una foto appesa al muro di una galleria” è più alto della foto che una persona anonima pubblica sui social media.

Inoltre, gli abiti che vediamo nella vetrina di un negozio, ad esempio, di via della Spiga, sono probabilmente più eleganti, speciali e alla moda di quelli che vediamo in un semplice negozio in un altro angolo della città.

Se ci pensi, troverai altri esempi in cui le condizioni ambientali sono un criterio di giudizio e valutazione.

L’esperienza di Joshua Bell ha un valore scientifico?

Sebbene molti libri e riviste si riferiscano a questo come un esperimento psicologico, il fatto è che la storia di Joshua Bell non è un esperimento scientifico. L’esperienza scientifica ha una definizione precisa e bisogna seguire dei metodi specifici.

A differenza del metodo scientifico, in cui due esperimenti simili vengono confrontati modificando un particolare fattore, qui si tratta di una semplice “coincidenza”. Un evento che chiunque può interpretare a modo suo (abbiamo descritto un errore simile nell’esperimento della prigione di Stanford).

Ci sono molti problemi che influenzano il comportamento delle persone. Ad esempio, i violinisti sono diversi dai calciatori o dai cantanti e poche persone li conoscono. Non dobbiamo aspettarci che le persone che passano vicino a Joshua Bell lo conoscano. Molte di queste persone, anche se avessero $ 100, non sarebbero disposte a spendere i loro soldi e il loro tempo per Joshua Bell.

Allo stesso tempo, non dobbiamo dimenticare che la mattina è l’ora in cui le persone vanno al lavoro e il minimo ritardo può avere conseguenze negative per loro. Perché dovrebbero prendersi il tempo per ascoltare un musicista insapore che ha scelto il momento peggiore per suonare il violino? (Lo stesso spettacolo avrebbe potuto avere un risultato diverso se fosse stato fatto la sera).

Ma c’è ancora un punto.  Le stesse persone che non hanno familiarità con i violini, se avessero saputo prima che una persona famosa avrebbe suonato in metropolitana quella mattina, probabilmente avrebbero aperto si sarebbero soffermate, anche senza avere una passione per questo strumento. Sono rimaste solo alcuni minuti ad ascoltare Joshua Bell. Il fatto è che non ci si aspetta che un evento così straordinario si svolga in un luogo come una stazione della metropolitana o offra un’esperienza bella e divertente. È la “valutazione predefinita” che perde l’opportunità di far vivere momenti così.

Riepilogo: Nonostante la pervasività della storia di Joshua Bell e il tono influente della narrazione di Weingarten nel Washington Post, la storia ha scarso valore scientifico e nessun principio psicologico può essere dedotto da essa.

Related Articles

Responses

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *